Lun - Ven: 09:00 - 17:00
info@360open.it
+39 0823 176 73 63

360open.it blog

The best way to consume news

il nostro dono…

///
Comment0
/
Categories

mulino

 

Oggi e’ uno di quei giorni in cui la nausea da Finanza prende il sopravvento e dunque e’ uno di quei giorni in cui la mente spazia alla ricerca di un mondo che ancora non vedo , un mondo che pero’ sembra muovere qualche passo , a fatica , ma sta accadendo ….

Sono un cultore della natura, amo fermarmi a scrutarla a farmi dare le risposte che cerco da tanto, ad ascoltarla in un momento di vento o semplicemente nel suono degli alberi che sembrano scambiarsi parole a noi sconosciute , parole che abbiamo perso l’abitudine di ascoltare. C’e’ un Mondo che corre , un mondo che si e’ piegato alle leggi degli uomini, pensando che quelle leggi siano giuste e abbiamo perso di vista tutto. Abbiamo perso di vista la bellezza di cio’ che la natura ci ha donato e purtroppo non riusciamo a riscoprirla , perche’ troppo condizionati dagli “Idoli” terreni.

Abbiamo lasciato che per duecento anni l’economia Capitalista , quella che un ricco lo fa divenire ancora piu’ ricco , a danno della moltitudine , governasse con la logica del Dio denaro che compra tutto, sottomette tutto, distrugge tutto. Abbiamo lasciato il Mondo alle regole di qualcosa che non ha nulla a che vedere con i doni che abbiamo ricevuto , quei doni che secondo un ciclo naturale avrebbero consentito agli uomini di vivere senza alterare gli equilibri che qualcuno lassu’ ci ha donato.

Oggi, finalmente , dopo che ci si e’ stufati di far business con Petrolio, di sfruttare bambini in parti del mondo sperdute per produrre telefonini o semplici giocattoli, di sottomettere l’uomo alla pura logica del profitto, del consumismo e del continuo bisogno indotto , si inizia a parlare di una economia piu’ sostenibile, piu’ giusta, piu’ umana. Forse perche’ e’ tempo di sottrarre il Mondo al male. O semplicemente perche’ e’ necessario, per il bene di tutti , un cambio di paradigma.

E torno alla natura, perche’ amo fantasticare con lei nel mentre che la osservo e cerco di studiarne le armonie. Il sole, energia fotovoltaica. Il mare, energia cinetica in movimento. Il vento, energia eolica. I vulcani, energia geotermica. Il pianeta, un’intera macchina che produce energia come qualche studioso, spesso messo da parte, ha asserito diverse decine di anni addietro.

Ma voglio andare oltre, pensate agli alberi, a come le foglie li alimentano , attraverso i processi di fotosintesi clorofiliana e pensate che l’energia in eccesso, quella che non e’ necessaria ad alimentare la pianta (non photochimical dissipation) viene rilasciata sottoforma di radiazione Infrarossa (fluorescenza della clorofilla). Questo ci fa intuire che se quella energia venisse catturata , potrebbe generare energia in altre forme e cosi’ la natura ci da tutto cio’ che ci serve, ma non siamo ancora pronti ad accorgercene.

Un tempo, esisteva un tizio di nome Nikola Tesla, uno che ha dedicato la sua vita alla ricerca e mai alla rincorsa del denaro, morto in poverta’ e solo, ha lasciato alla storia documenti e scoperte dal valore inestimabile, se ne diffondessero un po’ di piu’ la visione.

Pensate che Otto Warburg, premio nobel per la medicina nel 1931, affermo’ che il cancro e’ semplicemente una cellula con 15 millivolt invece che i normali valori di 100 o 50 millivolt tipici di una qualunque cellula in una fase di invecchiamento. Secondo Warburg, l’adozione  di una Bobina di Tesla opportunamente costruita per riallineare la mancanza di voltaggio della cellula, porterebbe alla riattivazione dei regolari processi chimici ed enzimatici….e dunque al suo voltaggio naturale

Sfruttando la forza della natura Tesla rigenerava anche se stesso….sottoponendo il suo corpo a trasmissioni energetiche , facendo da conduttore….ma questa e’ altra storia.

La natura ci ha dotato di tutto e abbiamo fatto le scelte sbagliate. Credo che siamo ancora in tempo per fare quache passo indietro, per il bene dei nostri figli e delle future generazioni. Oggi non parlo da economista, perche’ , forse, e’ la veste che mi calza meno, oggi parlo da individuo con una speranza, quella di poter credere in un Mondo meno avvilito da pochi e piu’ costruito da tutti.

Perdonate la digressione……