Lun - Ven: 09:00 - 17:00
info@360open.it
+39 0823 176 73 63

360open.it blog

The best way to consume news

La Transumanza

///
Comment0
/
Categories

download

Nel periodo di primavera i pastori compiono cio’ che in uso comune vien definito “transumanza”  che e’ lo spostamento dei greggi dalle pianure alle vette di alta quota……il motivo e’ legato alla ricerca di zone a temperatura mite dove il pascolo e’ favorevole e dove gli animali trovano condizioni ideali alla propria permanenza. E’ una pratica antica che risale agli usi degli egizi , i quali gia’ sui papiri evidenziavano scene che richiamavano a tale evento. Spesso usiamo la parola gregge, nella sua accezione peggiore, ad indicare esseri privi di coscienza che seguono i passi di un Pastore senza consapevolezza della propria sorte e spesso questa frase, “branco di pecore”, e’ adottata in modo molto dispregiativo….il problema pero’, di fondo, non e’ essere pecore in quanto tali , ma capire chi e’ il pastore . A tal proposito richiamo l’attenzione sui seguenti versi :

“il mercenario che non e’ pastore, a cui non appartengono le pecore, vede venire il lupo, abbandona le pecore e si da’ alla fuga e il lupo le rapisce e le disperde” (Giovanni 10, 1-21)

Da queste considerazioni derivano una serie di domande che sono molto pertinenti ai nostri giorni.

  • I pastori che guidano il gregge (la gran parte delle genti) , chi sono e chi rappresentano ?
  • Se i pastori fossero lupi camuffati ?
  • Quanti elementi del gregge saranno in grado di svegliarsi e identificare correttamente il pastore ?

 

La storia ci insegna che spesso , i Pastori, quelli veri, vengono crocefissi e anche abbastanza giovani, per cui, qualche domanda in tal senso dovremmo iniziare a porcela , non credete ?

Se una voce esce dal coro e inizia a smuovere le vostre coscienze, in qualche modo, al punto di sentire una sorta di grillo parlante che vi richiama verso quella voce, perche’ ,spesso, non l’ascoltiamo ? per comodita’ , per paura, per superficialita’ , per incapacita’ di adottare una scelta, per mancanza di autostima …..

Basta fare una proprorzione per capire che e’ il gregge la forza, non il lupo ….i lupi, grazie a Dio, sono inferiori in numero, ancora oggi e nonostante tutto, per cui una forte presa di coscienza pacifica, culturale,razionale , consentirebbe ad ognuno di noi di non sottostare al giogo perverso della storia costruita dal Potere….

Il Potere e’ il male , per chi non l’avesse ancora compreso. Il potere logora chi non lo ha (come diceva il vecchio Giulietto) perche’ il Potere punisce chi non soggiace alle sue regole ed e’ per questo che logora chi non lo ha, ma soprattutto logora in una lotta senza sosta chi non ne accetta le logiche.

Il problema dei nostri tempi e’ che abbiamo perso di vista l’essenziale , per cercare qualcosa che e’ piu’ di cio’ che e’ necessario e nella smania di questa ricerca gli astuti potenti hanno creato intorno a noi un mondo di Illusioni, al punto da confonderele per la realta’.

Quello che viviamo ogni giorno e’ il vero “Matrix” , quello che c’e’ intorno , sotto gli occhi attenti di satelliti, internet , social e chi piu’ ne ha piu’ ne metta, e’ il vero Truman Show …..ma forse a molti fa comodo cosi e lo accettano passivamente perche’ richiede TROPPO , cercare di spezzare le catene.

Nell’uomo sono stati inseriti due “Principi attivi” o meglio attivabili e ogni essere umano sceglie quale dei due seguire ….Il primo e’ la frenesia di un mondo illusorio , quello che, per dirla in breve, causa spesso morti da Stress , Esaurimento Nervoso , Depressione , Insoddisfazione e cosi via . il secondo invece e’ piu’ contemplativo , piu’ vicino alla nostra dimensione spirituale , quella che ci porta in contatto con la natura e lo spazio ultraterreno , quella che ci trasmette sensazioni di pace, equilibrio e benessere….

Occhio pero’ perche’ il Male e’ sempre in agguato e cerca costantemente di turbare chi e’ piu’ vicino a tale condizione per allontanarlo e cadere nelle logiche spietate della frenetica materialita’

In tal senso , la frase del noto cantante “Chi si accontenta gode”, rileggendola con la giusta chiave non e’ poi cosi semplicistica quanto sembra, anzi…

La capacita’ di discernere e’ un dono di Dio ( o in qualunque modo vogliate chiamarlo ) , credo che ognuno di noi dovrebbe fare il possibile per utilizzarla al meglio delle proprie possibilita’.

 

Buona Domenica e perdonate il fuori tema….ma ogni tanto ci vuole.